#3. GHH.

Aggiornamento flash

Sono iniziate ad arrivare delle famiglie (UNA MIRIADE), ma solo a quelli che hanno CCI o CHI. La NWS a quanto pare è morta. Boh, un mese fa ci ha anche mandato un questionario (l’ennesimo) da compilare, al che uno pensa “Wow! Finalmente cominceranno a cercare la famiglia!”, se… aspetta e spera. E’ scomparsa, puf, svanita nel vuoto. Bah, siamo praticamente ad aprile (occazzo siamo praticamente ad aprile AAAAAAAAAAH), prima o poi dovranno svegliarsi.

Cose a random:

  • Ultimamente dormo poco e male, ergo sono particolarmente lunatica e pigra.
  • Due weekend fa c’è stato il raduno a Milano dei weppi del nord, alèè 😀 Anche se sostanzialmente ho passato più tempo in treno che a Milano (ovviamente al ritorno il treno era in ritardo di un’ora. Trenitalia ti odio.)
  • Finalmente ci hanno detto dove e quando sarà il weekend di orientation della WEP: fine Aprile a Pavia, aiee.

#2. ‘‘Viaggiare è una brutalità.’’

Viaggiare è una brutalità. Obbliga ad avere fiducia negli stranieri e a perdere di vista il comfort familiare della casa e degli amici. Ci si sente costantemente fuori equilibrio. Nulla è vostro, tranne le cose essenziali – l’aria, il sonno, i sogni, il mare, il cielo – tutte le cose tendono verso l’eterno o ciò che possiamo immaginare di esso” – Cesare Pavese

Invidia. Invidia invidia invidia.
Taaanta invidia, fiuumi di invidia per tutti quelli di Intercultura (e non solo). Tutti quelli che l’anno prossimo andranno in Finlandia, Cina, Costa Rica, Repubblica Dominicana (REPUBBLICA DOMINICANAAA), Brasile, Argentina, Islanda, CILE!
Se potessi rifarei il quarto anno 20 volte solo per poter andare ogni anno in un posto diverso.

Purtroppo alla possibilità di fare l’anno all’estero i miei hanno messo la condizione “Solo paesi anglofoni”, e allora annamo in ‘merica.
(“Altrimenti di sicuro non studi niente visto che devi già imparare la lingua, e come fai quando torni?!”, e hanno anche ragione dato che la mia scuola non è proprio una delle più facili. Ma con un po’ di impegno ce l’avrei potuta fare, pazienza.)

Comunque, è ufficialmente iniziata la fase di attesa trepidante della host-family. E la WEP riesce a rendere questo periodo ancora più snervante provvedendo a mandarci ogni tanto delle belle mail pubblicitarie. Del tipo che uno apre la casella di posta e si vede un messaggio con mittente “WEP”. Col cuore in gola tutti i weppini speranzosi cliccano sulla maledetta mail e…
“Vacanze studio estive con WEP!”. MA VA A CAGARE TU E LE TUE VACANZE STUDIO ESTIVE.

Boh, pazientiamo, ste famiglie arriveranno.

(Tanto amore per la WEP che dopo tutto ci permette di partire. <3)

Contrassegnato da tag ,

#1. NWS

Dopo mesi sono riuscita a mettermi a scrivere il primo post, sbaam. Eee here we go.

Chi sono e che faccio l’ho già scritto in “Savvy?” quindi non starò a dilungarmi. 🙂

Piuttosto: associazione partner! La WEP non opera direttamente negli USA, quindi per trovare le famiglie ospitanti si appoggia alle famose/famigerate associazioni partner. Negli ultimi giorni il gruppo su face dei futuri weppi americani brulica di gente che si dispera perché non ha ancora l’associazione e di gente che c’è l’ha già e si danna per cercare di capire – basandosi su qualsiasi dato riesca a reperire – quante possibilità abbia di finire in ogni stato e tutti continuano a chiedersi a vicenda “Ma l’associazione influenza lo stato in cui andremo? Che probabilità ci sono di finire in Alaska? E nelle Hawaii?” ben sapendo che NESSUNO di noi ha  una risposta.
E la cosa divertente è che potremmo starcene tutti tranquilli dato che: a) Ormai siamo stati presi: chi ancora non ha l’associazione ce l’avrà al 100% fra poco; b) Chi ha già l’associazione non ha comunque alcun modo per scoprire in che stato finirà.

A rigor di logica potremmo dunque rilassarci tutti quanti e Pace e Amore e godiamoci la vita.
MA siamo 16/17enni iperattivi che vedono la loro partenza avvicinarsi e non hanno niente altro da fare per intrattenersi nell’attesa, QUINDI siamo autorizzati a farci tutti i viaggi che vogliamo.

A me l’associazione è arrivata qualche settimana fa, la NWS.  E così sono venuta a conoscenza di questa piccola associazione che a quanto pare non ha coordinatori locali nel New Mexico, quindi suppongo di poter scartare questo stato (e fu così che finì nel New Mexico).
Fino a qualche giorno fa Mar’yana ed io eravamo ormai arrese all’idea di essere le uniche a partire con la NWS, poi pian piano stan spuntando fuori un paio di altre persone (ma comunque quelli con la CHI o la CCI ci staccano di brutto).

Ma hey, nella botte piccola c’è il vino buono, no?

Contrassegnato da tag
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: